Promozione scuole

Trucchi del mestiere

a cura di Caroline Westcombe

Tutto quello che bisognerebbe sapere sulle scarpe da punta: come prepararle per adattarle al proprio piede e al proprio modo di ballare

Un chiodo fisso per ogni ballerina è quello delle scarpe da punta.

Che ci si creda o no, quel paio di pantofole di raso può diventare l’incubo di ognuna di noi, almeno fino a quando non si trova il modello giusto e non si impara a prepararlo nel mondo più appropriato. Le punte, infatti, subiscono vari trattamenti prima e durante il loro utilizzo: vengono martellate per ammorbidire parti che altrimenti farebbero troppo rumore ballando, vengono ammorbidite usando il vapore, vengono cosparse di colla sulle suole per indurirle, prolungandone la vita, e ancora tagliate, grattate, cucite, finché non si trova la forma e la consistenza idonea ai propri piedi e al proprio modo di ballare.

Alla fine poi non è detto che durino più di uno spettacolo! Solo dopo un’attenta verifica, infatti, si potrà stabilire se riutilizzarle o appenderle al famoso chiodo...

“Mmm, non troppo dure perché faranno rumore. Non troppo morbide perché non mi sosterranno nei giri”... Essendo una ballerina non vi nascondo che le punte, oltre a causare molto dolore, sono causa di una grande perdita di tempo!