torna all'Home page
Ballet Class
Una nuova rivoluzionaria app per il tuo iPhone
Un nuovo prodotto di Balletto.net
login

lo shop di danza
Mezza Punta pelle Reart € 17.90

coreografi: Hilverding


Franz Anton Hilverding, Vienna 1710 – 1768

Ballerino e coreografo austriaco, proveniente da una celebre famiglia di attori, studiò all’Opéra di Parigi con Blondy, maturando, a contatto coi migliori coreografi dell’epoca, le idee che gli avrebbero ispirato, a partire dal 1740, balletti narrativi basati su un’azione drammatica espressa con movimenti di danza e pantomima. Tali creazioni, prevalentemente ispirate a temi mitologici, costituiscono i primi esempi di ballets d’action, coi quali Hilverding anticipa le idee che Noverre perfezionerà a livello di vera e propria riforma.

A Dresda presentò il Britannico, tratto da Racine, e Alzire, da Voltaire, due esempi superbi di schema drammatico raccontato dalla coreografia.

Maître de ballet alla corte di Vienna dal 1737, per i teatri della sua città creò una trentina di balletti d’azione. Una stampa del Bellotto che rappresenta la sua rielaborazione di Le Turc Genereux (1758), da Les Indes Galantes di Rameau, mette in evidenza come i ballerini dovessero usare l’intero corpo con fini espressivi e non limitarsi al volto e alle braccia.

Negli ultimi dieci anni di vita è attivo prima, per breve tempo, a Stoccarda, dove con lui si perfezionerà il suo miglior allievo, Gasparo Angiolini, e, poi, in Russia, invitato dalla zarina Elisabetta. Qui introduce per primo il ballet d’action, allestisce Amore e Psiche, si fa raggiungere a Mosca dall’Angiolini perché collabori con lui all’allestimento degli spettacoli organizzati per l’incoronazione della zarina Caterina II, lavora con successo anche a San Pietroburgo, facendosi poi sostituire, al suo rientro in patria, dall’Angiolini nel ruolo di maestro di ballo di Sua Maestà Imperiale di tutte le Russie.

Nel 1765 torna a lavorare a Vienna ancora per un paio di anni, mettendo in scena Le Triomphe de l’Amour, in cui si esibiscono Maria Antonietta, futura regina di Francia, e due suoi fratelli al palazzo di Schonbrun in occasione del matrimonio dell’imperatore Giuseppe II d’Austria con Maria Josepha di Baviera.

La sua opera di diffusione del ballet d’action sarà proseguita dall’Angiolini, che, nel rivendicare al maestro l’avvio di questa forma di spettacolo, entrerà in una celebre e sterile polemica con Noverre.

-Britannico
-Alzire
-Le Turc Genereux, 1758
-Amour et Psyché, Mosca 1762
-Pigmalione
-Circe
-Rifugio della Virtù, su temi russi
-Le Triomphe de l’Amour

Bernardo Bellotto, Le Turc Genereux


ID=406
27/4/2005
Marino Palleschi leggi gli articoli di Marinoinvia questo articolo ad un amicoStampa questo articoloCondividi su Facebook




cerca nel giornale  

scrivici - pubblicità - la redazione - i numeri della Community - disclaimer - regolamento della Community   
  Balletto.net Snc Tutti i diritti riservati  P.IVA 04097780961