torna all'Home page
Ballet Class
Una nuova rivoluzionaria app per il tuo iPhone
Un nuovo prodotto di Balletto.net
login

lo shop di danza
Mezza Punta tela Sansha € 22.50

compositori: Drigo


Riccardo Drigo, Padova 30 giugno 1846 – 1 ottobre 1930


Drigo nacque a Padova il 30 giugno 1846. Studiò musica dapprima nella sua città con Antonio Buzzolla (che fu anche meastro di Arrigo Boito) e successivamente al Conservatorio di Venezia. Dopo aver ottenuto i primi successi come compositore e direttore d'orchestra, si trasferì in Russia nel 1878, dove ben presto venne nominato Direttore Stabile dell'Opera Italiana di San Pietroburgo, e in seguito al grande favore riscosso in quest'attività, guadagnò la carica di Direttore e Compositore Ufficiale del Balletto Imperiale.

In questo ruolo, Drigo diresse le prime di Bella Addormentata, Schiaccianoci e Raymonda, mentre compose alcuni balletti come il Flauto Magico, Le Talisman e Les Millions d'Arlequin di Marius Petipa (da quest'ultimo George Balanchine coreografò nel 1965 , sulla musica della Serenade, il pas de deux Harlequinade).

La sua stretta collaborazione con Petipa lo portò a comporre gran parte della nuova musica che il coreografo commissionava per le riedizioni di celebri balletti del repertorio romantico, come ad esempio, nel 1886, le musiche aggiuntive per L'Esmeralda di Pugni consistenti in due pas de deux che guarda caso sono gli unici brani del balletto ad essere a tutt'oggi rappresentati (uno è il famoso Diana e Atteone poi ripreso da Agrippina Vaganova, l'altro contiene la celebre variazione col tamburello). Nel 1899 compose il pas de trois del II Atto del balletto Le Corsaire, sempre su coreografia di Petipa, per Pierina Legnani.



Drigo ebbe un ruolo importantissimo nel successo della ripresa del Lago dei Cigni di ?ajkovskij nel 1894, dopo il fiasco della versione rappresentata nel 1877. Il compositore padovano riarrangiò, riorchestrò e compose nuova musica creando la partitura che ancora oggi la maggior parte delle Compagnie usano. Nella maggior parte l’opera di Drigo fu così sottile e duttile da imitare perfettamente lo stile di ?ajkovskij, e spesso è difficile riconoscere i suoi interventi. Ad esempio, nel III atto, Drigo utilizzò un brano per pianoforte dello stesso ?ajkovskij, L'Espiegle (il monello), per orchestrare la variazione di Odile nel pas de deux del Cigno Nero. Per il IV atto selezionò due altri brani per piano solo dalla stessa raccolta, Valse Bluette e Un peu de Chopin e orchestrò nuova musica per le coreografie di Ivanov.

Drigo ritornò occasionalmente in Italia, e per un certo periodo fu il Direttore Musicale di Anna Pavlova: la ballerina era solita raccontare di quanto lo sfruttasse e di come lui fosse paziente con lei, quando, negli anni avanzati della sua carrierà era costretta e cercare il favore di musicisti incompetenti che suonassero o dirigessero per lei. Uno dei cavalli di battaglia di Anna Pavlova composto da Drigo fu Le reveil de Flore.

Trovandosi a disagio nella Russia post-rivoluzionaria, Drigo ritornò in Italia e morì nella sua città natale il 1 ottobre 1930.


In alto a destra, una foto di Riccardo Drigo

In basso a sinistra, Michail Fokine in Diana e Atteone


ID=466
1/6/2005
Claudio Giorgione leggi gli articoli di minkusinvia questo articolo ad un amicoStampa questo articoloCondividi su Facebook




cerca nel giornale  

scrivici - pubblicità - la redazione - i numeri della Community - disclaimer - regolamento della Community   
  Balletto.net Snc Tutti i diritti riservati  P.IVA 04097780961