torna all'Home page
Ballet Class
Una nuova rivoluzionaria app per il tuo iPhone
Un nuovo prodotto di Balletto.net
login

lo shop di danza
Gonnellino coprente Bloch € 22.00

trame: Symphonie Fantastique


24 LUGLIO 1936
Sinfonia coreografica in cinque scene
ROYAL OPERA HOUSE DI LONDRA - Ballets Russes de Monte Carlo
cor. Leonide Massine; libr. e mus. Hector Berlioz; scene e costumi Christian Bérard



Si tratta del più importante balletto di Massine del genere sinfonico e richiese due anni di lavoro perché fosse concepito nei dettagli. Notevole dal punto di vista compositivo è la successione, nella prima scena, dei gruppi che formano le varie visioni. La terza scena è il momento coreografico più felice per il modo in cui danza e mimica suggeriscono un senso di serenità assoluta.

Parte I. In una nuda stanza un giovane musicista, in abito del periodo romantico, è seduto a un tavolo, immerso nei suoi pensieri. Disperato per le sue pene d'amore, prende una dose di oppio, che gli provoca una serie di visioni, alcune gioiose, altre tristi, altre ancora terrificanti. La scena si illumina gradualmente e rivela un paesaggio fantastico dove vaga lo spirito del musicista. L'ambiente tetro è dominato da una statua simile a una sfinge con le ali spiegate. Qui appare una serie di ombre e ciascuna induce nella mente del giovane un particolare sentimento: gioia, malinconia, passione. Tra tutte le figure spettrali danzanti, ogni tanto spunta anche la donna amata dal musicista, vestita in abito bianco come per recarsi a un ballo, seduttiva, ma irraggiungibile.


Parte II. Una sala da ballo in nero e rosso è popolata di ballerini, gli uomini in nero, le donne in bianco. Il giovane musicista, in cerca dell'amata, ha la gioia di riconoscerla tra le donne che partecipano al ballo e per qualche istante prova l'immenso piacere di ballare con lei, finché, sfuggente come sempre, la donna scompare.

Parte III. Una campagna soleggiata è attraversata dalle rovine di un acquedotto antico. Una farfalla solitaria svolazza con leggerezza nel luogo pieno di pace dove finalmente il musicista riesce a riposare. Seduto su una colonna spezzata contempla le bellezze della natura. Due pastori, uno giovane e uno anziano, richiamano i loro greggi suonando strumenti rustici. Arrivano delle giovani vestite con pepli colorati recando fiori e vino e dei bambini giocano tra loro. Una ragazza si sente attratta dal pastore giovane, danzano assieme, si rendono conto di piacersi. La visione dell'amata attraversa il cielo e turba la pace del musicista. Il sole comincia a tramontare e la serenità del pomeriggio svanisce turbata da un tuono improvviso.


Parte IV. Il giovane si trova nel sinistro cortile di una prigione: immagina di aver ucciso l'amata in un impeto di gelosia per un suo ipotetico tradimento e di dover scontare una giusta punizione. A poco alla volta sopraggiungono uomini e donne che, gesticolando, pregustano con gioia maligna la punizione che gli deve essere somministrata. Un carceriere fa venire il prigioniero, seguito dai carnefici in abiti rossi e da un gruppo di giudici in toga nera coi loro libri di legge. Mentre costoro, muovendosi come marionette, si immergono nella lettura dei testi alla ricerca di qualche pena orribile, i carnefici, afferrato il giovane per braccia e gambe, lo tormentano tirandone il corpo in direzioni opposte per il piacere della folla. Il musicista viene strattonato e spintonato e, quando viene sollevato verticalmente dai carnefici, ha nuovamente la visione dell'amata; subito dopo si accascia come se, all'improvviso, si aprisse la botola di un patibolo e rimanesse appeso a una forca invisibile.

Parte V. Il musicista sogna di partecipare a un sabba di streghe. Il suo corpo viene portato nel luogo sinistro, affollato di spiriti maligni, alcuni in nero, altri in rosso, altri in verde, che danzano attorno alla loro vittima. Alcuni assumono l'aspetto di monaci e inscenano una parodia del Dies Irae. Arrivano altre streghe e tra esse anche l'amata che è accolta dalle compagne. Il rito satanico cresce in intensità e si mescolano le melodie del Dies Irae col frastuono dell'orgia.

Nelle immagini:
-Christian Bérard, bozzetto per la II scena della Symphonie Fantastique
-Christian Bérard, bozzetto per la III scena della Symphonie Fantastique
-Tamara Toumanova nel ruolo dell'Amata in Symphonie Fantastique


ID=782
21/11/2005
Marino Palleschi leggi gli articoli di Marinoinvia questo articolo ad un amicoStampa questo articoloCondividi su Facebook




cerca nel giornale  

scrivici - pubblicità - la redazione - i numeri della Community - disclaimer - regolamento della Community   
  Balletto.net Snc Tutti i diritti riservati  P.IVA 04097780961