Home

Grande successo per OnDance

In 30mila hanno ballato con Roberto Bolle

La prima edizione della grande festa della danza ideata da Roberto Bolle ha animato per una settimana le piazze e i teatri di Milano, con una straordinaria partecipazione di pubblico

19 Giu
2018
18:30
  • Il flash mob all’Arco della Pace per la chiusura di OnDance
    Il grande flash mob all’Arco della Pace per la chiusura di OnDance
  • Roberto Bolle con Linus e Diego Passoni di Radio Deejay
    Roberto Bolle con Linus e Diego Passoni di Radio Deejay
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

«Volevamo portare la danza alle persone e invece le persone sono venute spontaneamente da noi con un entusiasmo che credo non dimenticherò mai. Ringrazio davvero tutti quelli che hanno reso possibile questo risultato meraviglioso, ancora una grande vittoria per la danza che ha dimostrato la sua forza e la potenza con cui sa andare dritta al cuore delle persone». Queste le parole di Roberto Bolle in chiusura di OnDance, la grande festa della danza voluta e ideata dall’étoile scaligera che ha animato la città di Milano dall’11 al 17 giugno.

Un successo e una partecipazione che sono andati ben oltre le aspettative di Roberto Bolle e degli organizzatori, a riprova di come il pubblico sappia ancora rispondere con entusiasmo a iniziative di questo genere che vogliono avvicinare la danza alle persone, portarla nelle piazze perché tutti possano vivere la sua magia.

Più di 30mila, infatti, le persone coinvolte negli eventi organizzati nel corso della settimana di OnDance, tra i gala Roberto Bolle and Friends al Teatro degli Arcimboldi, le serate di apertura e di chiusura al Castello Sforzesco e all’Arco della Pace, il tango nella notte all’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele, la competizione di street dance Red Bull Dance Your Style alla Stazione Centrale, le maratone di swing allo Spirit de Milan e tutti i workshop e le open class delle più svariate tipologie di danza sparse tra l’Università Bicocca e il Teatro Burri.

Numeri entusiasmanti che fanno sperare che a questa prima edizione di OnDance ne segua una seconda, come ha promesso Roberto Bolle incalzato da Linus e Diego Passoni di Radio Deejay, che hanno presentato la serata finale all’Arco della Pace, domenica 17 giugno. In quella occasione, più di 5mila persone si sono unite a Roberto Bolle e agli allievi dei workshop di OnDance per il grande flash mob che ha infiammato la piazza milanese.

Tutto esaurito al Teatro degli Arcimboldi per i cinque gala che hanno visto i Friends di Bolle alternarsi nei grandi classici del repertorio: da Il Corsaro, con Misa Kuranaga, Timofej Andrijashenko e uno straordinario Angelo Greco, al Lago dei Cigni e Tchaikovsky Pas de Deux, magistralmente interpretati dai principal del Royal Ballet Marianela Nuñez e Vadim Muntagirov; e ancora Don Chisciotte, con Misa Kuranaga, Adiarys Almeida e Bakhtiyar Adamzhan, e Le Fiamme di Parigi, con Adiarys Almeida, Angelo Greco e Vadim Muntagirov. Roberto Bolle è stato protagonista di alcuni passi a due di respiro contemporaneo: Thaïs di Roland Petit, accanto a Maria Eichwald; Caravaggio di Mauro Bigonzetti, con la prima ballerina del Teatro alla Scala Nicoletta Manni; Mono Lisa di Itzik Galili, ancora con Maria Eichwald; Proust, ou les Intermittences du Coeur di Roland Petit, affiancato dal primo ballerino scaligero Timofej Andrijashenko.

Tra i momenti più suggestivi e partecipati anche la milonga di tango all’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele e il Red Bull Dance Your Style, la competizione di street dance giunta per la prima volta in Italia proprio in occasione di OnDance.

Dunque, speriamo che il saluto di Roberto Bolle al pubblico accorso all’Arco della Pace sia un arrivederci all’anno prossimo: siamo consapevoli del fatto che il cammino della danza verso un pieno riconoscimento e una maggiore valorizzazione sia ancora lungo e difficile... ma iniziative come quella voluta dall’étoile scaligera non possono che fare bene a un’arte ancora relegata ai margini della cultura e della società.

Condividi: 
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu