Ballerini contro il cancro infantile

Ballerini contro il cancro infantile

La campagna dell’associazione Adolescenti e cancro

Fino al 25 agosto, inviando una foto e facendo una donazione all’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma, i giovani ballerini possono sostenere la ricerca scientifica

Ogni anno in Italia sono circa 2mila i bambini e gli adolescenti che si ammalano di tumore. Se non c’è mai un’età “facile” per affrontare la lotta contro questa malattia, viverla durante l’adolescenza e la giovinezza, momenti della vita già di per sé delicati e complessi, è ancora più difficile.

Dal 2014 l’associazione Adolescenti e cancro, nata dalla volontà della scrittrice livornese Maricla Pannocchia, si rivolge a tutti i ragazzi che hanno ricevuto una diagnosi di cancro per permettere loro di fare amicizia con altri giovani da tutta Italia che stanno vivendo o hanno vissuto situazioni simili alla loro, grazie a varie iniziative – tutte gratuite – pensate per aiutarli a confrontarsi, a divertirsi e ad affrontare insieme questo percorso.

Per sensibilizzare su questo tema l’associazione ha lanciato la campagna online “Ballerini contro il cancro infantile”: fino al 25 agosto, i giovani fra gli 8 e i 25 anni appassionati di qualunque tipo di danza, a qualunque livello, possono inviare una loro foto o video mentre danzano, effettuando una donazione minima di 5 euro all’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma che permetterà di sostenere la ricerca scientifica su questa malattia. Le foto e i video possono essere inviati all’indirizzo e-mail adolescentiecancro@yahoo.it oppure come messaggio privato sulla pagina Facebook dell’associazione.

Le foto e i video pervenuti saranno pubblicati sui canali social dell’associazione Adolescenti e cancro a settembre, mese di sensibilizzazione internazionale sul cancro infantile e dell’adolescente. Si può leggere il regolamento completo sul sito www.adolescentiecancro.org

Ancora una volta, dunque, la danza “esce” dalle scuole e dai teatri per farsi strumento potente di condivisione e di solidarietà.