FOG Triennale Milano Performing Arts

  • Still di Daniele Ninarello © Andrea Macchia
    Still di Daniele Ninarello © Andrea Macchia
  • Elisabetta Consonni è tra i coreografi presenti a FOG Triennale Milano Performing Arts
    Elisabetta Consonni è tra i coreografi presenti a FOG Triennale Milano Performing Arts
  • La compagnia mk di Michele Di Stefano © Giuseppe Buscaglia
    La compagnia mk di Michele Di Stefano © Giuseppe Buscaglia
  • Les Mémoires d’un seigneur di Olivier Dubois © François Stemmer
    Les Mémoires d’un seigneur di Olivier Dubois © François Stemmer

FOG Triennale Milano Performing Arts

Il nuovo festival multidisciplinare di Milano

Dal 9 marzo al 5 giugno la Triennale di Milano e altri luoghi della città ospitano una nuova rassegna in cui il teatro contemporaneo, la musica e la danza dialogano con l’architettura, il design e l’arte

L’offerta legata allo spettacolo dal vivo e alle arti performative di Milano si arricchisce di un nuovo appuntamento, FOG Triennale Milano Performing Arts, festival multidisciplinare ospitato dal 9 marzo al 5 giugno all’interno della Triennale e in altri spazi della città uniti dalla comune vocazione alla ricerca e dalla visione internazionale.

FOG, nebbia in lingua inglese, vuole essere un omaggio ironico all’immaginario milanese ma allo stesso tempo vuole evocare un’atmosfera apparentemente fumosa, sospesa, dove tutto può accadere. Dove i sensi si amplificano, lasciando spazio allo stupore, alla meraviglia della scoperta, all’abbandono.

Apertura, dunque, alla sperimentazione e alla curiosità: le arti performative – teatro contemporaneo, musica e danza – si mescolano tra loro, dialogando con l’architettura, il design e l’arte, in una dimensione internazionale: nove i Paesi coinvolti, quarantacinque gli artisti provenienti da ogni parte del mondo, per un totale di novanta recite che si vanno ad affiancare alla stagione di Triennale Teatro dell’Arte.

Tra i nomi di punta, per quanto riguarda la danza, ricordiamo Virgilio Sieni, uno dei più celebri coreografi italiani, dal 2013 al 2016 direttore della Biennale di Venezia – Settore Danza; il francese Olivier Dubois, ex-allievo di Jan Fabre, attualmente considerato tra i migliori coreografi al mondo; la compagnia mk di Michele Di Stefano (Leone d’argento alla carriera alla Biennale di Venezia); la compagnia Ariella Vidach AiEP con improvvisazioni di danza all’interno del Parco Sempione durante la Design Week milanese; Daniele Ninarello, coreografo e danzatore tra i più interessanti della scena coreografica italiana; EnKnapGroup, la principale compagnia di danza contemporanea slovena; Annamaria Ajmone, tra le recenti rivelazioni della danza italiana, in un inedito lavoro a quattro mani tra coreografia e musica insieme con Alberto Ricca (aka Bienoise); Michele Rizzo, giovane coreografo italo-olandese, sostenuto dal 2012 tra gli altri dall’International Choreographic Arts Centre di Amsterdam diretto da Emio Greco e Pieter C. Scholten; la coreografa e performer Elisabetta Consonni.

L’obiettivo di FOG Triennale Milano Performing Arts è, però, anche quello di accompagnare e sostenere le nuove creazioni. Tra le compagnie e gli artisti sostenuti da FOG attraverso produzioni e coproduzioni per il 2018 vi saranno: Alessandro Sciarroni, fresco vincitore del Premio Europa Realtà Teatrali, che con il collettivo Masbedo darà vita a una performance site specific commissionata insieme al miart, fiera dell’arte moderna e contemporanea (prima assoluta); la commissione alle giovani coreografe Luna Cenere, Barbara Novati, Greta Cisternino, Loredana Tarnovschi, Francesca Siracusa e Flora Orciari, presentata in collaborazione con DiD Studio in prima assoluta; la commissione agli artisti Resmini, Zaffaroni e Maniscalco per la creazione di un lavoro performativo e interattivo per bambini di 0-12 mesi e i loro genitori; Strasse, collettivo milanese indipendente, che porta avanti una ricerca sullo spazio urbano in cui convergono dimensione performativa e cinematografica (prima assoluta) e altri.

Sono previsti anche incontri e momenti di confronto con il pubblico: in particolare, l’Institut français di Milano ospiterà Olivier Dubois che discuterà del suo lavoro coreografico con Marinella Guatterini, saggista, critico, coordinatrice del corso di Teatrodanza della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi.

Il calendario completo degli appuntamenti può essere consultato sul sito di Triennale Teatro dell’Arte.

  • Still di Daniele Ninarello © Andrea Macchia
    Still di Daniele Ninarello © Andrea Macchia