Home

Il Royal Ballet celebra Leonard Bernstein

Al cinema martedì 27 marzo

Il Royal Ballet rende omaggio a Leonard Bernstein, nel centenario della sua nascita, con un trittico firmato da Wayne McGregor, Liam Scarlett e Christopher Wheeldon

23 Mar
2018
10:00
  • I danzatori del Royal Ballet in The Age of Anxiety © Bill Cooper / ROH, 2014
    I danzatori del Royal Ballet in The Age of Anxiety © Bill Cooper / ROH, 2014
  • Il coreografo Wayne McGregor © Johan Persson
    Il coreografo Wayne McGregor © Johan Persson
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Martedì 27 marzo alle ore 20.15 nuovo appuntamento al cinema con il Royal Ballet che, nel centenario della nascita di Leonard Bernstein, celebra il compositore statunitense con un programma firmato dai coreografi Wayne McGregor, Liam Scarlett e Christopher Wheeldon. Due le prime mondiali, Yugen e Corybantic Games, rispettivamente del coreografo residente Wayne McGregor e dell’artista associato Christopher Wheeldon, cui si affianca The Age of Anxiety, creato nel 2014 dall’artista residente Liam Scarlett.

Pianista e compositore, considerato uno dei più grandi direttori d’orchestra di tutti i tempi, Leonard Bernstein nacque il 25 agosto del 1918 a Lawrence, in Massachusetts. Direttore, tra le altre, della New York City Symphony Orchestra e della New York Philharmonic, Bernstein è salito sui podi dei più importanti teatri del mondo, tra cui il Teatro alla Scala di Milano, dedicandosi con successo anche all’attività di compositore. Capace di muoversi con disinvoltura dal repertorio classico – indimenticabili le sue interpretazioni di Beethoven, Schubert, Schumann e Haydn – al jazz, fino al musical e alla musica tradizionale ebraica, ha lasciato capolavori quali la Sinfonia n. 1 “Jeremiah”, la Sinfonia n. 3 “Kaddish”, Prelude, Fugue and Riffs, Three Meditations from “Mass” e altri.

Molte le “incursioni” nel mondo della danza e del musical, tra cui Fancy Free del 1944 e Facsimile del 1946 per l’American Ballet Theater e Dybbuk del 1975 per il New York City Ballet, tutti con le coreografie di Jerome Robbins. La collaborazione con il coreografo statunitense, di cui quest’anno ricorre, come Bernstein, il centenario della nascita, si rinnovò nel 1957 per la creazione di West Side Story.

Tre, dunque, i titoli con cui il Royal Ballet vuole rendere omaggio al compositore. The Age of Anxiety di Liam Scarlett si ispira, proprio come l’omonima Sinfonia n. 2 di Bernstein, al poemetto The Age of Anxiety: A Baroque Eclogue di W. H. Auden, imperniato sull’atmosfera di disincanto, incertezza e rapido stravolgimento che accompagna il Ventesimo secolo. In scena Laura Morera (Rosetta), Alexander Campbell (Emble), Bennet Gartside (Quant) e Tristan Dyer (Malin).

Per la prima volta, anche Wayne McGregor e Christopher Wheeldon si confrontano con la musica di Leonard Bernstein presentando in prima mondiale Yugen e Corybantic Games.

Condividi: 
  • Tristan Dyer in The Age of Anxiety di Liam Scarlett © Bill Cooper / ROH, 2014
    Tristan Dyer in The Age of Anxiety di Liam Scarlett © Bill Cooper / ROH, 2014
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu