BOLSHOI BALLET ACADEMY

Residenze Coreografiche Lavanderia a Vapore

Residenze Coreografiche Lavanderia a Vapore

Il vincitore del bando è Excelsior di Salvo Lombardo

Si è chiuso il bando 2018/2019 Residenze Coreografiche Lavanderia a Vapore di Collegno: selezionato il progetto di Salvo Lombardo che propone una “traduzione” di un classico del repertorio italiano

È stato selezionato il vincitore del bando 2018/2019 Residenze Coreografiche Lavanderia a Vapore di Collegno: si tratta di Excelsior di Salvo Lombardo. Il giovane coreografo tenterà una “traduzione” del Ballo Excelsior, balletto di Luigi Manzotti che debuttò al Teatro alla Scala di Milano l’11 gennaio 1881. Erano quelli gli anni delle Esposizioni Universali, dell’affermazione delle identità nazionali, del colonialismo, della rivoluzione industriale e delle grandi invenzioni tecnologiche: invenzioni che Ballo Excelsior celebrava quali passi avanti dell’umanità intera sulla strada della civiltà e della fratellanza tra i popoli.

Cosa resta oggi di quella idea di progresso e di modernità? Di quella idea di Occidente? Salvo Lombardo tenterà di rispondere a queste domande, di trasporre i temi di Excelsior in contenuti attuali attraverso i linguaggi della danza contemporanea e dell’arte visiva, facendo di Excelsior un’opera ri-mediata, a partire da domande sulla contemporaneità.

La commissione, composta da Alessandro Pontremoli, Anna Cremonini, Natalia Casorati, Cristiana Candellero, Paolo Mohovich, Matteo Negrin e Valentina Tibaldi, ha motivato così la sua scelta: “Salvo Lombardo presenta un progetto molto articolato. L’idea di lavorare su un classico del repertorio accademico come il Ballo Excelsior con un processo di decostruzione culturale e di sua ricostruzione nei termini della inattualità del contemporaneo è di grande interesse. Coerente con la sua poetica della traccia, ampiamente sviscerata nella trilogia che prende avvio con Casual Bystanders, Salvo Lombardo propone una traduzione o meglio un re-enactment contemporaneo post-coloniale del Ballo Excelsior valendosi della collaborazione di artisti di qualità e di alto livello. Le partnership produttive sono prestigiose. Le proposte di interazione con i pubblici e il territorio sono coerenti con tutta la progettualità”.

Lo spettacolo debutterà nel settembre del 2018 al Festival Oriente Occidente a Rovereto e sarà realizzato in coproduzione con il Théâtre National de Chaillot di Parigi, il Festival Fabbrica Europa e Romaeuropa Festival e con il sostegno in residenza del Teatro della Toscana e Spellbound Dance Company.

La commissione ha individuato altri due progetti interessanti, per una menzione speciale: Endless Ending Process di Salvatore Insana, che propone una riflessione sul concetto di fatica e in particolare di fatica del corpo, e Beast Without Beauty di C&C Company.

  • Salvo Lombardo © Paolo Porto
    Salvo Lombardo © Paolo Porto