Home

Il Sogno di Davide Valrosso

Debutta al Festival Oriente Occidente

Il 31 agosto, il Teatro alla Cartiera di Rovereto ospita il debutto di Sogno, una notte di mezza estate, nuova creazione di Davide Valrosso per il Balletto di Roma

10 Ago
2018
09:30
  • I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
    I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
  • I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
    I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
  • I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
    I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
  • I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
    I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
  • I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
    I danzatori del Balletto di Roma in prova con il coreografo
Testata giornalistica online

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Debutta al Festival Oriente Occidente, venerdì 31 agosto, la nuova creazione di Davide Valrosso per il Balletto di Roma, Sogno, una notte di mezza estate, ispirato all’omonima commedia di William Shakespeare.

Due i temi fondamentali su cui il coreografo vuole riflettere: la magia, che non è altro che l’amore, simboleggiato nella commedia dal succo di un fiore magico che agisce sugli occhi e che fa innamorare al primo sguardo, e il sogno, preponderante a tal punto che realtà e fantasia arrivano a confondersi in questo “piccolo dramma che sembra nato da un sorriso, tanto è delicato, sottile, aereo”, come scrisse Benedetto Croce a proposito dell’opera di Shakespeare.

Al lettore, e allo spettatore, l’invito a perdersi nella successione di fraintendimenti, scherzi, capovolgimenti che intessono la trama dell’opera shakespeariana, le cui fila sono nelle mani di Puck, creatura irreale che per Valrosso incarna la vitalità, il fanciullo irriverente che è dentro ognuno di noi, il caos.

Il caos come artefice del nostro destino, come forza che può rinnovare e trasformare, lasciandoci continuamente in bilico tra realtà e dimensione onirica, tra saggezza e follia. Dichiara Valrosso: «Tutto è in equilibrio tra saggezza e follia, non bisogna essere né troppo saggi né troppo folli, bisogna vibrare tra questi due mondi».

 

Coreografo associato al Balletto di Roma, artista associato a Oriente Occidente e a VAN, Davide Valrosso si è diplomato all’English National Ballet. Per cinque anni ha lavorato stabilmente con la compagnia Virgilio Sieni e ha collaborato come interprete con numerosi artisti e coreografi, tra cui Ariella Vidach, Paolo Mohovich, Jacopo Godani, Eugenio Scigliano, Daniele Ninarello, Cristina Rizzo e Fabrizio Favale. Dal 2014 la coreografia diventa la sua attività principale. È stato selezionato per la NID Platform 2017 ed è coinvolto nel progetto Prove D’autore XL, edizione 2017, nell’ambito del quale ha creato We are not alone per il Triennio del Balletto di Roma.

Coprodotto dal Festival Oriente Occidente, Sogno è interpretato da Paolo Barbonaglia, Cecilia Borghese, Riccardo Ciarpella, Mateo Mirdita, Kinui Oiwa, Eleonora Pifferi, Giulia Strambini e Simone Zannini.

 

Foto di copertina © Giuseppe Distefano

Condividi: 
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu