Home

Mahler 10 / Petite Mort / Boléro

Trittico d’autore al Teatro alla Scala

Dal 10 marzo al 7 aprile grandi coreografi e grandi compositori uniti sul palco scaligero per un trittico imperdibile. Roberto Bolle, per la prima volta, inteprete di Boléro

16 Feb
2018
16:02
  • Petite Mort al Teatro alla Scala © Marco Brescia, foto d’archivio
    Petite Mort al Teatro alla Scala © Marco Brescia, foto d’archivio
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Mahler, Mozart e Ravel: ecco i tre grandi compositori a cui il Teatro alla Scala renderà omaggio con un trittico d’autore in scena dal 10 marzo al 7 aprile. Tornano sul palcoscenico scaligero due pietre miliari della coreografia del Novecento, Petite Mort di Jiří Kylián e Boléro di Maurice Béjart, affiancati da una nuova produzione in prima assoluta, Mahler 10 di Aszure Barton.

Da molti anni affascinata dalla musica di Gustav Mahler, la coreografa francese ha trovato nei danzatori scaligeri interpreti animati da una profonda sensibilità e forti di una tecnica raffinata, capaci di tradurre in danza le emozioni intessute nella partitura dell’Adagio della Sinfonia n. 10. Una riflessione sul tempo e sulla fragilità della vita, con scene e luci di Burke Brown e costumi di Susanne Stehle.

Creato nel 1991 per il Nederlands Dans Theater, in occasione del Festival di Salisburgo nel secondo centenario della morte di Wolfgang Amadeus Mozart, Petite Mort è forse uno dei brani più noti di Jiří Kylián, profondo rinnovatore della coreografia della seconda metà del Novecento. Sulle note dei concerti per pianoforte e orchestra n. 21 e n. 23 di Mozart, sei uomini e sei donne si alternano tra parti di gruppo e splendidi passi a due, dividendosi tra le diverse emozioni che scaturiscono dal momento culminante dell’estasi, chiamato appunto, in alcune culture, “piccola morte”. “È come se, nel momento del piacere (o in cui potenzialmente stiamo creando una nuova vita), ci venisse ricordato che le nostre vite hanno una durata relativamente breve e che la morte non è mai troppo lontana”, scrisse lo stesso Kylián a proposito della sua creazione.

A completare il trittico, dopo oltre quindici anni torna al Teatro alla Scala Boléro di Maurice Béjart, sulla celebre musica di Maurice Ravel. Per la prima volta, Roberto Bolle sale sul mitico tavolo rotondo, impegnato nel ruolo della Melodia (10, 13s, 16, 20, 23 marzo). All’étoile si alterneranno gli artisti scaligeri e, per una recita ciascuno Elisabet Ros (29 marzo) e Julien Favreau (30 marzo), ospiti dal Béjart Ballet Lausanne.

Il trittico Mahler 10 / Petite Mort / Boléro sarà in scena il 10, 13 (2 rappr.), 16, 20, 23, 25, 27, 29, 30 marzo e il 5, 7 aprile. L’Orchestra del Teatro alla Scala sarà diretta da David Coleman.

Condividi: 
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu