Home

Omaggio a Preljocaj e Petit

Il Balletto dell’Opera di Roma a Lucca

Il 6 maggio la compagnia diretta da Eleonora Abbagnato sarà ospite al Lucca Classica Music Festival per una serata dedicata ai coreografi Angelin Preljocaj e Roland Petit

1 Mag
2018
18:30
  • Eleonora Abbagnato interpreta Le Parc di Angelin Preljocaj © Yasuko Kageyama
    Eleonora Abbagnato interpreta Le Parc di Angelin Preljocaj © Yasuko Kageyama
Testata giornalistica online

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Domenica 6 maggio, il Balletto dell’Opera di Roma sarà in scena al Teatro del Giglio di Lucca, nell’ambito della manifestazione Lucca Classica Music Festival, con Omaggio a Angelin Preljocaj e Roland Petit, un programma che riunisce alcuni dei più noti capolavori dei due coreografi.

La prima parte della serata, dedicata al coreografo franco-albanese Angelin Preljocaj, si apre con Annonciation, creazione del 1995 per due danzatrici che rievoca il momento dell’incontro tra la Vergine Maria e l’Arcangelo Gabriele. Un dialogo intimo e di profondo impatto emotivo cui fa da contraltare il dialogo tra la musica del compositore canadese Stéphane Roy e il Magnificat di Antonio Vivaldi. In scena Giorgia Calenda e Federica Maine.

A seguire, l’étoile e direttrice del Corpo di Ballo capitolino Eleonora Abbagnato e il primo ballerino Claudio Cocino interpretano alcuni estratti dal balletto Le Parc di Angelin Preljocaj, capolavoro del 1994 reso celebre dalla lunga scena del bacio. Un inno all’amore e all’arte di amare sulle note di Wolfgang Amadeus Mozart e di Goran Vejvoda.

Eleonora Abbagnato, affiancata da Giacomo Castellana, è poi protagonista de La rose malade, passo a due su musiche di Gustav Mahler che apre la seconda parte della serata, dedicata al coreografo Roland Petit. A seguire, Michele Satriano e Simone Agrò interpretano Le Combat des Anges, duetto maschile su musiche di Gabriel Fauré. Tratto da Proust, balletto del 1974, è ispirato al romanzo di Marcel Proust Alla ricerca del tempo perduto.

Il programma prosegue con alcuni estratti da Il pipistrello, creato da Petit nel 1979 sulle musiche di Johann Strauss figlio; tra i brani scelti anche il passo a due interpretato dai primi ballerini Susanna Salvi e Claudio Cocino. L’étoile internazionale Natasha Kusch sarà, invece, la protagonista di Carmen, capolavoro del 1949, su musiche di Georges Bizet, che ha consacrato Roland Petit e il suo genio creativo. In scena alcuni estratti che raccontano la passione travolgente tra la bella zingara e Don José, interpretato da Michele Satriano.

La serata si conclude con Cheek to Cheek, creazione del 1977 sulla brillante musica di Irving Berlin: protagonisti Eleonora Abbagnato e Luigi Bonino, attuale direttore artistico dei Balletti Roland Petit.

Condividi: 
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu