Home

Salvo Lombardo rilegge Excelsior

A Oriente Occidente l’eredità culturale del Gran Ballo

Sabato 1 settembre l’Auditorium Melotti di Rovereto ospita la prima assoluta di Excelsior, rilettura di Salvo Lombardo di uno dei titoli cardine del repertorio tardo-ottocentesco

13 Ago
2018
10:00
Testata giornalistica online

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

È la titanica lotta sostenuta dal Progresso contro il Regresso ch’io presento all’intelligente pubblico milanese: è la grandezza della Civiltà che vince, abbatte, distrugge, pel bene dei popoli, l’antico potere dell’Oscurantismo che li teneva nelle tenebre del servaggio e dell’ignominia”. L’11 gennaio del 1881 andava in scena al Teatro alla Scala Gran Ballo Excelsior di Luigi Manzotti, titolo cardine del repertorio tardo-ottocentesco italiano. Erano gli anni del colonialismo europeo, delle Esposizioni Universali, delle grandi innovazioni tecnologiche: attraverso l’invenzione del battello a vapore e della pila di Volta, dell’apertura del canale di Suez e del traforo del Moncenisio, Manzotti metteva in scena il trionfo della Civiltà, della Luce, capace di abbattere l’Oscurantismo e rompere le catene della schiavitù.

Andava in scena una visione eurocentrica e trionfalistica destinata a infrangersi di fronte al dramma della Prima guerra mondiale e, ancor di più, di fronte all’imporsi di un mondo sempre più globalizzato. Che cosa resta, oggi, di quell’idea di Occidente che si impose nell’Ottocento?

È partendo da questa domanda che Salvo Lombardo, coreografo e artista associato al Festival Oriente Occidente, prova a rileggere Excelsior, chiedendosi quali immaginari del Gran Ballo riemergano oggi – seppure in modo sotteso o in forme apparentemente diverse – nel nostro modo di vedere gli altri, nelle relazioni tra l’Europa e il resto del mondo. Non si tratta, però, di una mera riproposizione: abbandonando la struttura a quadri voluta da Luigi Manzotti e sulle musiche originali di Fabrizio Alviti, il coreografo attua una ri-mediazione dell’originale, soffermandosi sugli stereotipi che il presente continua a proporci.

Vincitore del bando 2018/2019 Residenze Coreografiche Lavanderia a Vapore di Collegno, Excelsior debutta sabato 1 settembre alle 20.30 all’Auditorium Melotti di Rovereto nell’ambito del Festival Oriente Occidente.

Domenica 2 settembre, alle ore 16.00, la Sala Conferenze del Mart ospita Around Excelsior, un incontro sui temi che quasi 140 anni fa portarono alla creazione del Gran Ballo Excelsior. Intervengono Salvo Lombardo, Viviana Gravano, Sergia Adamo, Marinella Guatterini e Alessandro Pontremoli. L’incontro sarà preceduto dalla proiezione del docufilm Excelsior (Luca Comerio, 1913): Frammenti ritrovati presso la Cineteca di Bologna.

Foto di copertina © Isabella Gaffe

Condividi: 
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu