Home

Winterreise al Teatro alla Scala

Prima creazione di Angelin Preljocaj per il Balletto scaligero

Il 24 gennaio, con repliche fino al 9 marzo, debutta alla Scala una nuova creazione di Preljocaj, la prima per il Corpo di ballo scaligero, su musica di Schubert

20 Gen
2019
19:09
  • Winterreise, i danzatori scaligeri in prova © Brescia e Amisano / Teatro alla Scala
    Winterreise, i danzatori scaligeri in prova © Brescia e Amisano / Teatro alla Scala
  • Winterreise, i danzatori scaligeri in prova © Brescia e Amisano / Teatro alla Scala
    Winterreise, i danzatori scaligeri in prova © Brescia e Amisano / Teatro alla Scala
  • Winterreise, i danzatori scaligeri in prova © Brescia e Amisano / Teatro alla Scala
    Winterreise, i danzatori scaligeri in prova © Brescia e Amisano / Teatro alla Scala
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Il 24 gennaio debutta in prima assoluta al Teatro alla Scala Winterreise, nuova creazione di Angelin Preljocaj sui ventiquattro Lieder per pianoforte e voce di Franz Schubert, forse i più famosi del compositore austriaco. Un viaggio d’inverno che è, innanzitutto, un viaggio dell’anima in cui i danzatori scaligeri si immergeranno guidati dalla sensibilità e dall’estro del coreografo francese.

Dopo aver concesso al Teatro alla Scala il debutto nazionale di tre dei suoi più acclamati lavori (Annonciation, Le Parc e La Stravaganza), Angelin Preljocaj finalmente dedica al Corpo di ballo scaligero una creazione, nell’ambito del ciclo di balletti su musica da camera che da qualche anno impreziosiscono la programmazione della stagione di danza del Piermarini.

«Effettivamente è molto raro che io faccia creazioni per una compagnia che non sia il Ballet Preljocaj – commenta il coreografo – è successo finora solo con l’Opéra di Parigi e il New York City Ballet. Gli artisti della Scala hanno diversi miei lavori in repertorio e conoscono il mio stile, dunque quando con il direttore della Compagnia Frédéric Olivieri abbiamo discusso sulla possibilità di una creazione ho pensato che fosse il momento per iniziare questa avventura».

È lo stesso Preljocaj a spiegare la scelta dei Lieder di Schubert: «Penso che i progetti su musica da camera per la loro struttura creino una sorta di intimità fra i vari elementi protagonisti dello spettacolo, che sono tre: musicisti, danzatori e pubblico, un triangolo magico che si crea in queste occasioni più che con una grande orchestra. E questo è uno dei motivi per cui ho scelto Winterreise: i ventiquattro Lieder di Schubert racchiudono qualcosa di intimo e delicato e uno dei miei obbiettivi è trovare assieme a musicisti, danzatori e pubblico una complicità e una condivisione di questa atmosfera intima, in questo viaggio, viaggio d’inverno. Che assomiglia a quello della vita. Lo immagino come un giardino d’inverno, un luogo in cui è presente l’inverno ma anche il germe delle altre stagioni, quasi un laboratorio sperimentale della vita».

Le sensazioni e gli elementi poetici e simbolici che scaturiscono dall’ascolto della musica di Schubert sono tradotti da Preljocaj in danza, attraverso momenti di insieme, passi a due e passi a tre in cui ogni danzatore rappresenta una sfaccettatura del viandante solitario che attraversa questo giardino d’inverno.

Tra i protagonisti di Winterreise, vedremo in scena Antonella Albano, Alessandra Vassallo, Stefania Ballone, Chiara Fiandra, Agnese Di Clemente, Giulia Lunardi, Benedetta Montefiore, Marco Agostino, Christian Fagetti, Matteo Gavazzi, Marco Messina, Eugenio Lepera e Andrea Risso.

Scene e luci sono firmate dalla designer Constance Guissset e dal light designer Eric Soyer, abituali collaboratori di Preljocaj, mentre i costumi sono dello stesso coreografo.

Prima rappresentazione: 24 gennaio (ore 20).
Repliche: 25 (ore 20), 26 (ore 20), 29 (ore 20), 30 gennaio (ore 20); 1 febbraio (ore 21); 8 (ore 20), 9 marzo (ore 20).
Il 23 gennaio, Anteprima a favore della Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus.

 

Foto di copertina: Angelin Preljocaj in sala prove con i danzatori scaligeri © Brescia e Amisano / Teatro alla Scala

Condividi: 
×